Cover Blog.jpg

La metrica nel Pop Italiano è ancora un'opzione?

Abbiamo tutti ascoltato fra le hit dell’estate la canzone “Marea” di Madame, e forse qualcuno di voi si sarà chiesto perché nel ritornello la parola è accentata tronca, mareà, e non piana, marèa, come sarebbe il suo normale accento tonico, così come nella strofa salità. Qualcuno ricorderà alla fine della seconda strofa di “22 Settembre” di Ultimo un paio di settenari venuti un po’ male, un po’ zoppi, che creano l’imbarazzante accentazione della parola ridere come ridère. E no

Io credo… che il problema sia la fede.

Gli argomenti che sui social andrebbero evitati sono religione, politica e calcio. Ma anche il canto non scherza. osa li unisce? la fede.

I rimedi della nonna; cosa fa davvero bene alla voce e cosa no?

(con annesso decalogo del cantante professionista) Notoriamente il cantante è l’artista più ipocondriaco dell’intero panorama musicale. Puoi riconoscerlo per strada dalla sciarpa o dal foulard anche ad aprile, dalla bottiglia da un litro e mezzo in mano anche quando va a spedire una raccomandata e dall’arsenale di caramelle balsamiche, erisimo, echinacea, propuli, acciughe, miele, medicinali omeopatici e non, fiori di Bach e ogni sorta di placebo “per la gola” che spuntano d

10 linee guida per il giovane studente di canto.

Nell’intraprendere lo studio del canto professionale, un giovane trova davanti a sé una miriade di metodi. Un aiuto per scegliere...

Cos'è un vocalizzo?

La voce non esiste. I muscoli facenti parte dell’apparato fonatorio, come tutti gli altri muscoli del corpo, necessitano infatti ...

Il curioso caso delle donne baritono. Esiste davvero il contralto donna?

Andare a teatro di prosa, per me, è ormai una sofferenza. Al posto di una vocalità coltivata ed educata a raggiungere ogni anfratto del teatro in modo naturale e fisiologico, a teatro puoi ascoltare quasi sempre un perenne declamato stentoreo, al limite, spesso abbondantemente superato, dell’urlo scomposto. Ogni bravo attore crede di dover sfoggiare questo tipo di emissione per essere udito oltre la seconda fila. Anche i più blasonati insegnanti di recitazione tuonano frasi d

L'ABC dell'interpretazione di una canzone.

Cosa dobbiamo chiederci prima di affrontare lo studio di una canzone?

I principali generi vocali nel Musical Theatre

Tratto dalla relazione “Tra Broadway e West End, le diverse concezioni del teatro musicale” presentata a La Voce Artistica il 13/10/2019

Il riscaldamento vocale perfetto.

Il riscaldamento vocale in vista di una performance è una delle abilità principali di un professionista della voce...

La Prossemica nel Canto e sul Palcoscenico

La Prossemica è la disciplina che studia i gesti, il comportamento, lo spazio e le distanze all'interno di una comunicazione, sia verbale che non verbale. ll termine è stato introdotto e coniato dall'antropologo Edward T. Hall nel 1963 per indicare lo studio delle relazioni di vicinanza nella comunicazione. Hall ha osservato che la distanza tra le persone è correlata con la distanza fisica, ha definito e misurato quindi quattro “zone” interpersonali: La distanza intima (0-45

Qual è l'età giusta per iniziare lo studio del canto professionale?

Uno dei più fiorenti business di questo decennio è quello del canto per bambini. Complici trasmissioni televisive ad altissimo share (si sa, bambini e cani, giochi di ruffiani), molti genitori perseguono per i loro talentuosissimi figli la strada del successo, costringendoli a frequentare lezioni di canto professionali e spingendoli a maturare aspettative spropositate e ad assecondare i deliri di onnipotenza della famiglia. Il lato preoccupante del problema però non è nelle

La respirazone diaframmatica. La conosci davvero?

Nell’approcciarvi al canto e alla recitazione, la prima cosa che vi viene insegnata in Italia è che per praticare la mitica respirazione diaframmatica dovete gonfiare la pancia all’altezza dell’ombelico, con alcune varianti, tipo gonfiare i reni o, peggio, concentrare l’attenzione in fase di inspirazione nella zona genitale. Anche un bambino sa che l’aria non può scendere oltre i polmoni. L’unica via che la natura ci ha donato per far giungere dell’aria al di sotto dei polmo

L'effetto Dunning-Kruger e le sue implicazioni nel canto.

Cos’è l’effetto Dunning-Kruger? Ci vengono in soccorso i due teorizzatori di questo fenomeno, da cui prende il nome, due psicologi della Cornell University, situata a Ithaca ( sì davvero! splendido nome vero?) nello stato di New York negli Usa. I due studiosi, insieme alla loro equipe, ci spiegano che questo effetto è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti tendono a sopravvalutarsi, giudicando, a torto, le proprie abilità come superiori alla medi

Qual è la differenza fra Tecnica e Metodo?

Storicamente la Tecnica, senza scomodare i Greci con ovvie elucubrazioni etimologiche, è l’arte di saper fare qualcosa, la perizia nel saper fare qualcosa, mentalmente o fisicamente. Nel caso del canto è un insieme di pratiche e regole, scritte o tramandate per esperienza, che rendono riproducibile un determinato movimento o insieme di movimenti fisici e muscolari che portano all’emissione di un determinato suono. Suono che per essere riproducibile e codificato dev’essere sta

L'importanza dei neuroni specchio nello studio del canto

“I neuroni specchio saranno per la psicologia quello che il DNA è stato per la biologia.” (Vilayanur S. Ramachandran) I neuroni specchio sono una classe di neuroni che si attivano quando un individuo compie un'azione e quando l'individuo osserva la stessa azione compiuta da un altro soggetto. Attraverso studi di risonanza magnetica, si è visto che i neuroni attivati dall'esecutore durante l'azione sono attivati anche nell'osservatore della medesima azione. Gli studi principal

Il Volo è effettivamente il più grande ambasciatore della “lirica” italiana nel mondo.

Analizziamo la parola. Una lirica, voi mi insegnate, è una poesia messa in musica. E lirici sono sempre stati definiti nella storia quei poeti che cantavano i loro versi, o i versi altrui. Quindi Saffo, gli interpreti dei lieder di Schubert, le liriche di Schubert appunto, e, se vogliamo, Tenco, Vecchioni, De Andrè.. poeti in musica. Opera lirica è quindi una definizione impropria del Melodramma, nata per distinguerla dalle opere teatrali in prosa, probabilmente anche perché