• Angelo Fernando Galeano

Cos'è un vocalizzo?


La voce non esiste. L’apparato fonatorio è fatto di cartilagini, organi, muscoli. Organizzare il funzionamento di tutti questi componenti crea il fenomeno voce, con tutto quello che ne consegue in termini di gestione e, sopratutto, manutenzione. I muscoli facenti parte dell’apparato fonatorio, come tutti gli altri muscoli del corpo, necessitano infatti per il loro funzionamento ottimale di riscaldamento e di allenamento. La differenza fra un cantante professionista ed un dilettante sta anche in questo, il cantante è a tutti gli effetti un atleta.


L’errore più comune del principiante, ma spesso anche del cantante più esperto, è quello di ritenere il vocalizzo esclusivamente un mezzo per scaldare la voce. 

Questo può essere vero in una voce già allenata che si appresti ad una performance, ma la voce per essere efficace, come tutti i muscoli, deve subire un processo organizzato di allenamento prima, e poi di mantenimento nel tempo di quell’allenamento.


Studiare, per un cantante, non vuol dire solo dedicare del tempo ai brani del proprio repertorio, ma, sopratutto, dedicarlo all’allenamento vocale, così come studiare, per un danzatore, non è solo imparare una coreografia ma esercitare il corpo alla sbarra. 


I vocalizzi non sono tutti uguali.

Ci sono diverse estensioni, sillabazioni, movimenti muscolari, a seconda che si voglia allenare una qualità di suono piuttosto che un’altra, o a seconda, ad esempio, che si voglia allenare l’uniformità fra i meccanismi laringei piuttosto che il singolo meccanismo avulso dal contesto vocale artistico.


Quindi esistono esercizi per l’isolamento di un movimento muscolare laringeo ed esercizi invece che quel movimento muscolare lo inseriscono in un contesto più omogeneo di emissione completa di corpo, musica e voce, che in questa sede vorrei battezzare come vocalizzi “organici”.

Organico, dal greco ὀργανικός, quindi derivato da ὄργανον, organo, vuol dire “attinente alle macchine, agli strumenti; che serve di strumento”, quindi composto di parti distinte ma tra loro corrispondenti e armonicamente disposte in vista del fine a cui sono coordinate.


I vocalizzi di isolamento del movimento muscolare sono ad esempio quelli per la predisposizione del meccanismo M2, o quelli per la retrazione falsocordale; fanno parte di questa categoria, oltre a tutti gli esercizi Estill, anche il lip roll, l’NG e tutti i SOVTE, ossia i vocalizzi a Vocal Tract semi-occluso.


Quelli organici, al contrario di quelli di isolamento meccanico, sono vocalizzi che inseriscono le abilità, come ad esempio l’inclinazione tiroidea o la gestione della respirazione e della pressione sottoglottica, in contesti musicali più ampi sciogliendo l’attenzione dell’artista dal singolo movimento muscolare consentendogli di eseguire varie qualità di suono nello stessa frase musicale cercando omogeneità fra musica, stile ed emissione, ed eliminando l’ossessione dalla meccanica laringea.

Esistono inoltre vocalizzazioni precise per ogni movimento muscolare ed ogni qualità di suono che si vuole studiare, non si può ad esempio allenare il belt sulla U o la voce cosiddetta impropriamente di testa sulla E.


L'allenatore vocale accorto è quindi quello che propone all’artista l’esercizio giusto per allenare un determinato suono, piuttosto che essere quello che è capace di spiegare come avviene quel suono o come dovrebbe avvenire ma non sa come farlo riprodurre se non per imitazione.  


Ci sono vocalizzi storici che tramandano esperienza e “gesti antichi”, come direbbe mio padre, la maggior parte di quelli più efficaci di epoca belcantista, e vocalizzi più “moderni”, nel senso temporale del termine, non nel senso stilistico.

I vocalizzi più antichi e molti dei più moderni sono vocalizzi organici. I vocalizzi di isolamento muscolare invece sono vocalizzi di concezione più contemporanea, e derivano esclusivamente da alcuni metodi meccanicistici.


E’ molto importante, se non fondamentale, che un allenatore vocale segua l’artista di persona mentre svolge il suo allenamento muscolare e vocale, non c’è microfono o telecamera che possa attivare in modo appropriato i neuroni specchio dell’insegnante come accade invece con la presenza reale e fisica nella stessa stanza.


In ogni caso il consulto via Skype o FaceTime può essere una forma di supervisione a distanza dell’allenamento autonomo dell’artista o del suo riscaldamento pre-concerto a Sidney o a Timbuktu, ma non può e non deve essere sostitutivo del trasferimento di esperienza e conoscenze viso a viso, cardine e fondamento, condicio sine qua non, della trasmissione del saper fare da artista ad artista.


Il vocalizzo quindi è un’arte fondamentale del cantante e necessita di allenatori vocali specializzati, che siano in primis cantanti di professione, e poi specialisti della meccanica laringea, così come nella danza ci sono i coreografi per la parte artistica e performativa e i maestri di sbarra per l’allenamento muscolare.


E' ovvio che le due professionalità possano in molti casi convivere nello stesso didatta.


Ogni artista che lavori con il corpo, come il danzatore o il cantante, dovrebbe tenere sempre ben a mente che quello che siamo artisticamente, muscolarmente, vocalmente, è il frutto di quello che abbiamo fatto negli ultimi 10, 20, 30 anni, non solo di quello che abbiamo fatto nell’ultima mezz’ora prima di cantare o di danzare davanti ad un pubblico.




#tecnicavocale #vocaltraining #dailyvocaltraining #l1èsempresplat #cantomoderno #cantomodernoqualsiasicosasignifichi #ditantipalpiti #ditantipalpitiblog #cantolirico #vocaltrainer #vocalcoach

417 visualizzazioni

© 2019 Angelo Fernando Galeano. Tutti i diritti riservati.